La morte della Famiglia – Il ritorno del Clown Oscuro

Batman1 bisBatman con i suoi 74 anni di storie ci ha abituato a vedersi susseguire un incredibile numero di pittoreschi avversari più o meno ripresi nel corso degli anni. “Villains”, per dirla all’americana, come Due facce, il Pinguino, l’Enigmista sono entrati nel nostro immaginario collettivo come terribili ed abilissimi geni criminali in grado di mettere in difficoltà il nostro eroe con piani sempre più elaborati (e certe volte assurdi). Ma se dovessimo decidere un cattivo per rappresentare la nemesi per antonomasia del Crociato Incappucciato penso che senza ombra di dubbio sceglieremmo il Joker. Folle, enigmatico, grottesco, il Jolly (nella prima apparizione italiana era questo il suo nome) incarna tutto quello che Batman combatte fin da quando ha visto la vita dei suoi cari scivolargli via tra le dita. Assurdo, quindi, o almeno opinabile la scelta della DC di lasciare il clown quasi in disparte durante il lancio delle nuove 52, avvenuto da noi in Italia, poco più di un anno fa.

bats-and-birds-death-of-the-family-aftermath-and-the-future-of-robin-joker

Per chi non lo sapesse con “New 52” si intende l’evento più importante della DC Comics introdotto con la serie FLASHPOINT in cui, bene o male, vengono un po’ riscritti e unificati tutti i 70 anni ed oltre di storia editoriale dei supereroi della casa di Batman e Superman. Dopo questo evento le cose cambiano, alcuni avvenimenti non sono mai accaduti, altri sono diversi da come li ricordavamo. Tutte le varie testate (52 per l’appunto) azzerano la numerazione e ricominciano con i vari n.1.

Batman ha subito relativamente poco l’effetto del nuovo Universo. In linea di massima tutto, o quasi tutto, è rimasto immutato…o almeno così sembra. Cambiano leggermente le visioni delle origini di alcuni comprimari del Pipistrello (in 23 anni avrò letto qualcosa come 10 diverse origini per il buon vecchio Dick Grayson, il primo Robin) e rimangono dei dubbi sull’avvenuta di alcune serie cardine, “Hush” su tutte (si arriva a questa specifica conclusione leggendo il primo volume di Catwoman. Selina non sa che Bruce Wayne e Batman sono la stessa persona, rivelazione che le fa proprio il cavaliere oscuro durante la serie “Hush” di Loeb e Lee…ergo tutto questo non è avvenuto nel nuovo universo DC, oppure è andata diversamente…si…è un pensiero che farete molto spesso se leggerete i nuovi fumetti di Batman e soci pur avendo nozioni dell’ormai vecchio mondo DC).

timthumbLa presenza del Joker all’interno del nuovo universo DC è stata per il primo anno di vita editoriale delle nuove 52 appena accennata. Per la precisione compare nel numero 1 della nuova Detective Comics (la serie che ha presentato al mondo il Cavaliere oscuro nel lontano 1939) in cui stordisce il lettore con un finale assolutamente inimmaginabile e che avrà ripercussioni sugli eventi a venire [Pubblicata in Italia su Batman n.1 edizioni rw Lion]. Poi silenzio, per ben 1 anno. Batman, e le testate a lui collegate, vedono prendere il via il primo arco narrativo “La corte dei gufi” che nel bene o nel male tengono compagnia per 12 mesi [serie pubblicata in Italia su Batman dal n.1 al n. 12 edizioni rw Lion]. Del Joker nessuna traccia. Qualche accenno ogni tanto, nulla di più. Problema risolto? Non scherziamo. Mai sentito parlare della calma prima della tempesta? E’ con il numero 14 del mensile “Batman” [numerazione italiana] che il Joker fa la sua incredibile, scioccante e maestosa ricomparsa. Ed è con questo evento che prende il via il nuovo e oscuro arco narrativo batmaniano: La morte della famiglia. La trama è un elemento tutt’altro che marginale nei primi numeri dello storyarc, tante rivoluzioni e tanti shock seguono testi per niente banali ed assolutamente crudi e puri. Rivelarvi anche solo 1 degli elementi della trama sarebbe uno spoiler grosso come una casa. Vi invito pertanto a recuperare i numeri dal 14 al 16 del mensile Batman per immergervi in una grande lettura dalle tinte molto dark e a tratti disturbanti, ma assolutamente unica. L’accoppiata Capullo/Snayder convince sempre un sacco, forse più che con la saga precedente dei gufi. La veste grafica, in particolare la caratterizzazione del Joker, risulta una delle migliori degli ultimi anni, creando un metro di paragone per chiunque altro prenderà il testimone dai due attuali gestori della principale testata batmaniana. 

jokes

La serie mi sta piacendo un sacco. Sarà che il ciclo precedente ha un po’ deluso nel finale, ma su questo ripongo enormi speranze. Il ciclo è ovviamente concluso da tempo in America ma ho evitato assolutamente di spoilerarmi il finale. Alcuni commenti (molto generali si intende) che ho avuto modo di leggere denunciano un finale nuovamente deludente (con queste premesse la vedo davvero dura…) lasciando quasi intendere che Snyder sa imbastire grandi trame, presentarle al meglio, tenerci sul filo del rasoio per tutta la durata, ma sul finale…fa cilecca. Avremo modo di vedere e fare le nostre considerazioni a ciclo concluso. Per ora aspetto settembre in attesa del penultimo capitolo di questo grande affresco che prende il nome di Morte della famiglia, fiducioso che, comunque vada la serie, finalmente è tornato un grande personaggio del mondo di Batman in questo nuovo Universo con ancora tanto da dimostrare.

Annunci