A tu per tu con… Mary Jane Watson

tumblr_mf7ycdI2gd1rkw648o1_500

Amici ed amiche di Ultimate Comics World, e della rubrica “A tu per tu con…”, sono felice di presentarvi l’ospite di quest’oggi, e devo dire la verità sono anche un po’ emozionato, essendo da sempre un suo fan. Lei una famosissima attrice, è una bellissima modella, è un’importantissima showgirl, insomma è un mito dei nostri giorni, il nostro ospite è, rullo di tamburi, la fantastica Mary Jane Watson. Ecco a voi una scheda di presentazione per i pochi che non dovessero conoscerla.

Nome                    Mary Jane Watson

Autori                   Stan Lee, John Romita Sr.

Esordio                 Amazing Spider-Man n. 25, Giugno 1965

Familiari              Peter Parker (Uomo Ragno, ex-marito), Anna Watson (zia), una figlia mai nata, persa a  causa di Goblin

WhyYouMJ1AZ

Salve Miss Watson e benvenuta.

Grazie mille Mike, è bello essere qui… La prego però, mi chiami MJ.

Benissimo MJ, lei sarà abituata alle luci dei riflettori, vista la sua carriera stellare, quindi partiamo con le domande. Ci parli un po’ della sua carriera quando ha deciso di intraprendere la via dello spettacolo?

Bhè ho iniziato ad amare il teatro sin dal liceo, una volta diplomata ho deciso di tentare qualche provino a Brodway. Ovviamente i lavori non mi permettevano indipendenza perciò decisi di intraprendere contemporaneamente la carriera di modella, giusto per guadagnare qualche soldo in più. Devo dire di essere stata fortunata nella vita, perché ebbi successo in entrambe le strade prese, ed oggi sono una famosa attrice ed una stimata top model, non si può chiedere di più alla vita.

ASM545Sei una superstar, sei abituata a stare sulle copertine di tutti i giornali, allora parliamo anche noi di gossip. C’è un signor Mary Jane Watson nella sua vita?

Lo escludo categoricamente, i giornali scrivono quello che vogliono, basta salutare qualcuno o trovarsi a una festa organizzata da un tizio che subito parte il gossip. Io al momento sono sola e sono felice di esserlo, sono appagata dalla mia vita professionale e non desidero nient’altro.

Mmm… è stata abbastanza chiara. Noi sappiamo però che c’è stato qualcuno di molto importante nella sua vita e potrebbe ritornare è vero?

Sta parlando di Peter eh? Bhè lui è stato il mio amore storico, siamo amici dal liceo, mi è stato vicino quando ho avuto problemi e siamo stati insieme molto, moltissimo tempo. Pensi che, la nostra, è stata un’amicizia combinata dalle nostre zie, chi se lo immaginava allora che saremmo stati ancora amici.

E magari qualcosa di più.

No comment, per il momento almeno.

È vero che lei e Peter siete stati addirittura sul punto di sposarvi?

Per lo meno è quello che ricordo, sa c’è chi ha imposto la sua volontà sulla nostra, ed ora ricordo poco o nulla.

Il suo secondo amore in ordine di importanza, diciamo così, è Spider-Man, lei ha addirittura organizzato una mega festa in suo onore dopo la paura per Spider-Island. Ci parli un po’ del suo rapporto con l’eroe.

Amazing Spider-Man #672Lei conosce un Newyorkese che non ami Spider-Man? A parte quel vecchio brontolone del sindaco Jameson!!! Spider-Man è stato parte della mia vita fin dal Liceo, sono moltissime le volte in cui sono stata salvata io in prima persona, o la mia scuola, o la mia città dal più grande supereroe di New York City!!! Forse ha salvato qualche volta anche il Mondo intero… Comunque mi sembrava il caso di ricambiare in qualche modo tutto l’impegno che ci mette il nostro angelo custode nel difendere la nostra città, e poi chi sa organizzare meglio una festa se non una star televisiva?

Lei durante Spider-Island ha acquisito i poteri ragneschi, come quasi tutta la popolazione di New York, cos’ha provato nel poter imitare le gesta del suo eroe?

È stato semplicemente fantastico!! Provare quello che prova Spidey è stato unico, la cosa più bella è stato poter volteggiare tra i grattacieli e poter osservare dall’alto la città. Peccato per l’inconveniente che ah colpito tutti quelli che hanno acquisito i poteri di ragno… la trasformazione in tarantole giganti non è per niente cool, e poi per una ragazza sarebbe un incubo, depilarsi otto zampe, oddio!!!

tumblr_lul0gjZum61qd9idgo1_500Alla fine però è andato tutto bene, Spidey vi ha salvato ed alla fine è anche stato celebrato non solo da lei ma anche da tutta la città come testimoniano le foto dell’Empire State Building.

Si è vero, ed è stato fantastico vedere la città celebrare il suo eroe. Inoltre voglio svelarvi uno scoop, io nel momento dell’accensione dell’Empire State Building ero insieme a Spidey, era li con me per iniettarmi l’antidoto. È stato davvero un momento speciale.tumblr_m0am5rqbQy1rq6nrdo1_1280

Ritorniamo a parlare del tuo rapporto con Spider-Man, anzi con i suoi nemici. Tu sei stata una delle persone più colpite dai nemici di Spidey, chi ritieni sia il più malvagio?

Immaginavo mi facesse una domanda del genere. I nemici di Spidey sono molti e molto pericolosi, ha affrontato minacce galattiche come gli Skrull, e minacce sorte dietro l’angolo come Lizard o Dr. Octopus, ha affrontato perfino altri eroi nella Guerra Civile, ma i mostri che mi hanno aggredito che temo di più sono due, Norban Osborn, il Green Goblin, e Venom. Ho rischiato la vita in molte occasioni ma l’incontro con questi due mostri mi ha davvero traumatizzato.

MJ lasciamo perdere questi argomenti un po’ pesanti e torniamo a parlare di qualcosa di più leggero. Ti confesso che anche noi conosciamo il segreto del tuo amico Peter, in realtà è lui a creare i gadget per Spider-Man, per questo lui, la sua famiglia e i suoi amici sono stati bersaglio dei nemici di Spidey. Di recente Peter ha rotto con la sua nuova fidanzata Carlie Cooper, alla quale ha rivelato il suo segreto, come del resto ha fatto con te, volevamo sapere in che rapporti sei con Carlie? Siete diventate amiche?

b218360594Sa com’è, quando si nasconde un segreto per anni, non è possibile farsi scappare l’occasione di diventare amica con un’altra persona che condivide lo stesso segreto. Io e Carlie siamo diventate molto amiche abbiamo formato praticamente un club di ex-fidanzate di Peter Parker. Avrebbe dovuto vedere la sua faccia quando ha scoperto che io e Carlie ci vedevamo, credo che in quel momento avesse preferito essere calpestato da Rhyno ahahah.

Ora parliamo un po’ di cinema. Una diva come lei ha sicuramente un senso della recitazione importante, saprebbe giudicare l’operato di Kirsten Dunst, che l’ha interpretata sul grande schermo nella trilogia di Spiderman diretta da Sam Raimi?

Kristen-Dunst-as-Mary-Jane-Watson-in-Spider-Man-3_article_story_mainKirsten è un’attrice davvero fantastica, credo abbia svolto bene il suo compito, anche se devo trovare una critica alla scelta fatta, mio padre, il grande John Romita Sr. mi ha sempre vista con una fossetta sul mento ed un fisico esplosivo, bhè dovendo trovare un difetto a Kirsten credo sia proprio questo.

Il tuo personaggio sarà inserito nel cast di The Amazing Spider-Man 2, e sarà interpretato da Shailene Woodley, cosa ne pensi della scelta?

Non so che dirle, è una ragazza molto giovane e bella, aspettiamo di vederla all’opera per giudicarla.

Mary Jane, sei stata come sempre fantastica, lo spazio a nostra disposizione purtroppo è terminato, ti ringraziamo per la tua disponibilità e per aver portato un po’ di luce in questo mondo.

Oh Mike, non esagerare con i complimenti, mi fai diventare ancora più rossa, a proposito ho notato che prima di me è stata intervistata un’altra rossa fiammante, Pepper Potts, ha notato come noi rosse dominiamo l’Universo Marvel? Ahahah è solo una battuta, grazie a te e a tutti gli amici di Ultimate Comics World. Un bacio da MJ.

Autore: Mike

Secret War – Recensione

Secret War

Recentemente la Marvel ha iniziato a puntare molto su un tipo di fumetto più maturo, introducendo gruppi di “anti-eroi” come i Thunderbolts o l’Accademia dei Vendicatori, ma anche gruppi di supereroi che combattono il crimine segretamente senza essere vincolati da nessuna regola morale. Ad esempio è impossibile non citare Rick Remender, che recentemente ha riportato in auge questo genere, con le sue testate “Uncanny X-force” e i “Vendicatori Segreti”.

Un autore che nella sua epoca d’oro ha contribuito ad un universo Marvel più maturo e realistico, è Brian Michael Bendis, che nel 2004 ha pubblicato “Secret War”, che oggi proverò a recensire.

La storia gira attorno a una missione Top Secret guidata dal capo dello Shield Nick Fury, che coinvolge Capitan America, Luke Cage, Daredevil, Spider-man, la Vedova Nera e Wolverine. I sei eroi non ricordano nulla di quel che è accaduto durante la missione, ma quando un anno dopo i sei subiranno degli attentati da parte di alcuni supercriminali, per Nick Fury arriverà il momento di dare molte spiegazioni riguardo alla missione, e del perché non ricordano nulla della misteriosa “Secret War”.

Raccontare la trama senza fare degli spoiler è sostanzialmente impossibile, infatti la storia divisa in cinque numeri, è estremamente lenta. Ci vogliono ben due numeri per presentarci il gruppo di eroi, e un terzo per capire a grandi linee la trama. Nel momento stesso in cui la trama inizia a prendere forma, siamo già arrivati allo scontro finale, e al conseguente epilogo del fumetto. Questo è comprensibile visti i pochi numeri a disposizione, ma è nella bravura di un autore capire i propri limiti narrativi, e utilizzare le pagine concesse nel migliore dei modi. Bendis invece si dilunga molto su cose davvero futili, tralasciandone altre importanti come l’approfondimento dei personaggi e soprattutto la trama.

Per fortuna parliamo di Bendis, e se le sue scelte narrative si possono spesso ritenere discutibili, i suoi dialoghi rendono il ritmo generale della storia piuttosto buono, evitando dei momenti di noia, nonostante persistano dei dubbi sull’andamento della storia, che per metà volume sembra non portare da nessuna parte.SecretWar03_21

Ad alzare la media del fumetto ci pensa Gabriele Dell’Otto che ci offre ancora una volta dei disegni degni di nota. Ottimo anche il design dei nuovi costumi, che in effetti vediamo solo in copertina e in alcuni flashback della misteriosa missione compiuta dai sei eroi. Questi flashback sono però in bianco e nero, quindi l’impegno degli autori nel design dei costumi è sostanzialmente vano, rendendo inspiegabile una così grande cura dei particolari.

Dell’Otto ci offre anche degli ottimi combattimenti corali, degni del crossover “Secret Wars” che probabilmente Bendis ha voluto omaggiare con la sua opera.

Concludendo “Secret War” ha molti difetti da un punto di vista narrativo, ma risulta comunque abbastanza scorrevole, e con un finale ben strutturato, che nell’ormai lontano 2004 ha avuto delle importanti ripercussioni sull’universo Marvel. Gli splendidi disegni di Dell’Otto trasformano ogni tavola in una piccola opera d’arte. Ottima anche l’ultima ristampa italiana, che nonostante una qualità della carta mediocre, ci presenta una gran quantità di contenuti extra, che faranno davvero gola agli appassionati.

VOTO: 7.0

Pubblicato in Comics. Contrassegnato da tag

Comix World Revolution: Cavernadiplatone

CWR

Salve ragazzi e ben tornati. Quest’oggi, un ospite speciale ha accettato di rispondere alle nostre domande, uno dei YouTuber più apprezzati-temuti-rispettati, il grandissimo Cavernadiplatone. Passiamo subito all’intervista.

Parlaci un po’ di te? Di cosa ti occupi?

Ciao a voi! Parlarvi di me… eeeh, e mica è facile. Io parlo parlo ma alla fine cosa vi posso raccontare? Delle mie manie feticiste a 6 anni, o dell’odio nei confronti dei gatti nell’adolescenza, magari anche di quella volta in cui c’era Walt Disney… ma questa è un’altra storia. Mi occupo principalmente di informare e divertire il pubblico di Youtube (e di internet in generale) parlando di fumetti. Recentemente gestisco anche un mio sito dove riverso in testi quello che non diventa video

Quando hai iniziato la tua attività di YouTuber , e nella rete in generale?5781_491233334264562_1518736608_n

Ho cominciato un bel po’ di anni fa… nel 2007, con video del tutto diversi, erano scherzi fatti a scuola, denunce di problemi a livello sociale, video randomici e stupidi. Solo nel tardo 2008 comincia la vera sperimentazione di portare il fumetto su Youtube Italia per la prima volta.

Da dove nasce questa passione per i fumetti e per la rete?

Quella per i fumetti ce l’ho sempre avuta, in casa ho sempre avuto da leggere grazie a mio padre, vecchie strisce o Bonelli vari, poi io mi facevo comprare Topolino e l’Uomo Ragno, i cugini grandi leggevano già i manga, insomma di roba ce n’era a bizzeffe! Per la rete invece la passione è nata per due motivi:  cercare informazioni su DragonBall E scaricare hentai di DragonBall.

Quali sono i tuoi lavori di cui vai più orgoglioso? E che traguardi hai raggiunto con il tuo canale?

Ho fatto centinaia di video in questi anni, letteralmente, sono un bel po’. Oltre 600 video e sono orgoglioso di tutti, anche di quelli venuti sgorbi, sono come figli per me, ma guardando in faccia alla realtà ti accorgi che su 600 sono meno di 10 quelli che si salvano, anche se i numeri salvano la faccia molto di più. Di certo gli ultimi video sono i migliori perché ormai sono diventato padrone del mezzo e so come smuovere il pubblico o come dare un prodotto più che completo. Ho anche partecipato ai video di altri youtuber ma è insieme al gruppo Innovashion che ho raggiunto buone vette come un’ottima visibilità a livello nazionale vincendo il concorso comicità 16mm di Mediaset. Tutti i miei traguardi sono dovuti esclusivamente alla mia faccia tosta e a chi si fa intrattenere dalla mia faccia tosta.

582142_391617280892835_1899387504_n

Ecco la sua faccia tosta 😉

Parliamo ora di fumetti… qual è il tuo preferito? E in che modo ha condizionato la tua vita e la tua carriera?

Ma solo domande bastarde fate qui? Una cosa più tranquilla no, eh? Il mio preferito DISEMPREPERSEMPRE è senza dubbio L’Uomo Ragno (non Spider-Man). Ci sono letteralmente cresciuto e ha saputo farmi emozionare più di una volta. I fumetti così come i libri o il cinema possono essere molto ispiratori e la vita di Peter Parker, le sue sofferenze sono state senza dubbio un’ottima lezione di vita per me.64920_461135367274359_1439239895_n

Progetti per il futuro?

Ancora tanta voglia di continuare a realizzare video, senza non saprei davvero che fare durante il pomeriggio, probabilmente giocherei ai videogiochi ma tant’è… Vorrei riuscire a concretizzare alcune idee per dei fumetti che ho nella testa da sempre.

Siamo arrivati al termine… cos’hai pensato di questa intervista? Ti senti di consigliare Ultimate Comics World ai tuoi amici e fans?

Penso che è stata una delle interviste con le domande più toste a cui rispondere. Consiglio vivamente a tutti i miei compari di farsi un giro dalle vostre parti 😉

523805_354982581222972_362803900_n

Autore: Mike

Il salotto di Ultimate Comics World: Nedeljko Bajalica

logo-blog-mpressionist

Salve a tutti gli amici di Ultimate Comics World, inauguriamo oggi una nuova rubrica intitolata “Il salotto di Ultimate Comics World”, volete sapere di cosa ci occuperemo? Dopo aver intervistato, nella rubrica Comix World Revolution, i giovani ed aver indagato sul nuovo modo di discutere di fumetti attraverso la rete, in questa nuova rubrica i protagonisti saranno proprio coloro che creano i nostri oggetti di culto. Il primo ospite che intervisteremo è Nedeljko Bajalica, autore di fumetti, allievo del maestro Jacovitti e gestore dell’interessantissimo blog Over The Roofs – Le Avventure di Carta di Ned, dove vi segnaliamo due interessanti rubriche, adatte a chi ama il mondo dei fumetti e vuole conoscere e imparare sempre qualcosa, 300:Trecento libri per una biblioteca essenziale sul fumetto e il Gusto degli altri. A questo punto passiamo a conoscere meglio Ned con la nostra intervista.

Ciao Ned allora dicci un po’ chi sei? Cosa fai? Da dove vieni?

Sono un autore di fumetti di quasi quarant’anni, mezzosangue (papà serbo e mamma italiana) che disegna fumetti in modo professionale dal 1992.

Quando hai deciso che il tuo lavoro sarebbe stata la nona arte? E da dove nasce questa tua passione?

Onestamente non saprei cosa risponderti. Nel senso che fino ai tredici anni non avevo la minima idea di cosa fossero i fumetti essendo un fan dei cartoni giapponesi. Poi un giorno, per caso, mio padre mi regalò un suo vecchio diario Vitt con una storia di Cocco Bill; sfogliandolo, pensavo:”voglio disegnare come questo signore qua!

franco

Hai lavorato con uno dei maestri del fumetto italiano Jacovitti, parlaci un po’ di lui.

Un uomo molto buono, umilissimo, ironico, bastian contrario, fumava sempre il sigaro, disegnava direttamente con l’inchiostro e lavorava dal primo mattina fino al calar del sole instancabilmente; ma soprattutto era un genio nel vero senso del termine. Una personalità fortissima.

Oltre al maestro Jacovitti, a chi ti ispiri per il tuo lavoro?

Adoro le caratterizzazioni di Bill Watterson, la poesia di Krazy Kat, la sintesi di Toth, il bianco e nero di Munoz, il tratteggio e le storie di Micheluzzi, il segno di Frederick Peeters, la scioltezza di Ciryl Pedrosa… e l’elenco potrebbe continuare… anche se e bene solo guardarli e poi cercare di fare come hanno fatto questi artisti e non quello che hanno fatto.

Quali sono i tuoi lavori di cui vai più orgoglioso? E che traguardi hai raggiunto con il tuo lavoro?

Generalmente quando faccio un lavoro tendo a dimenticarlo… Fui abbastanza soddisfatto di “Ci vediamo Domani”, fumetto che realizzai nel 2005 ma riguardandolo oggi non lo so… Che tipo di traguardi si possono raggiungere oggi… non è facile il mondo dei comics. Un paio d’anni fa realizzai delle strip sul mondo della moda per la rivista di una grossa corporation d’abbigliamento; la rivista era tradotta in tutto il mondo ed era di eccellente qualità. Il punto è: quanti veramente avranno visto quelle strip?

001146_modificata

A questo punto parliamo di fumetti più in generale, sarai stato sicuramente anche un lettore di fumetti, per cui ti chiedo, quali sono i tuoi fumetti preferiti? E in che modo hanno condizionato la tua vita e la tua carriera?

A essere onesti non compro un fumetto da quasi un anno; l’ultimo fu Portugal di Cyril Pedrosa davvero molto bello come il suo precedente, lo splendido Tre Ombre. Diciamo che ne ho comprati e letti abbastanza dal 1987 (e cioè da quando mi sono appassionato alla nona arte) a qualche anno fa. Amo i grandi classici: Krazy Kat, Rip Kirby, Male Call, Red Barry, Popeye, i Peanuts, Pogo, i -fumetti di Jack Kirby, tutto Jacovitti, Corto Maletese, i lavori di Eisner… e altri che al momento non mi vengono in mente. Delle nuove leve, mi piacciono molto, oltre al già citato Pedroza, Lupus e Pillole Blu di Frederick Peeters, le short stories di Adrian Tomine,  Blast di Manu Larcent… mi è piaciuto molto il fumetto di Davide Reviati Morti di sonno. Tutti in un modo o nell’altro condizionano il mio percorso artistico anche se, ripeto, non m’interessa fare QUELLO CHE HANNO FATTO LORO ma fare COME HANNO FATTO LORO, non mi stanco mai di ripeterlo anche nei miei corsi di fumetto.

logo-il-gosto-post-'Torniamo al lavoro, di cosa ti stai occupando in questo momento?

Lavoro a diversi progetti. Ne ho realizzato uno che ho proposto in Francia e aspetto ancora alcune risposte. Sto lavorando già a un’altro progetto che spero di presentare quanto prima… Poi porto avanti le rubriche “Jac e Ned”, “300: trecento “libri” per una biblioteca essenziale sul fumetto” e “Il gusto degli altri – Gli autori e il loro idoli di carta”.

Abbiamo fatto visita al tuo blog Over The Roofs – Le Avventure di Carta di Ned, da dove è nata l’idea di pubblicare il tuo fumetto in rete?

Se ti riferisci alla strip Un Mondo Migliore, fu pubblicata nel 2008 sul web magazine Coreingrapho e poi trasferita nel mio ex sito Avventure di Carta. Ora il mio sito è stato inglobato nel mio blog Over The Roofs – Le avventure di carta di Ned. Recentemente anche il blog Barnabooth ha ripubblicato le strip di Un Mondo Migliore. Comunque è un lavoro ormai vecchio, appartiene al passato.

Che progetti hai per il futuro?

Disegnare fumetti per tutta la vita… ma anche altre cose ovvio…

Bene Ned siamo arrivati al termine…  Ti ringraziamo per la pazienza, e per aver accettato di rispondere alle nostra domande, buona fortuna per tutto.

Grazie a voi e buona fortuna per il vostro bel sito.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

A tu per tu con… Harley Quinn

Harley-Quinn1-500x250

Salve a tutti amici di Ultimate Comics World e ben ritrovati con la nostra rubrica “A tu per tu con…” oggi riprenderemo il nostro ciclo di interviste con in grandi personaggi dei fumetti. L’ospite di questa sera è una persona particolare, infatti per poterla portare qui abbiamo avuto bisogno di ben 10 guardie di sicurezza del manicomio criminale di Arkham. Vi presento, l’amante del Joker, la dottoressa Harleen Quinzel, o come preferisce farsi chiamare Harley Quinn, ecco a voi la scheda del nostro ospite.

Nome                    Harleen Quinzel, Harley Quinn

Autori                   Paul Dini, Bruce Timm

Esordio                 Batman: The Animated Series, episode #022 “Jokers Favor”, 11 Settembre 1992

Familiari              Nick Quinzel (padre), Sharon Quinzel (madre), Barry Quinzel (fratello), Nicky Quinzel (nipote), Jenny Quinzel  (nipote), Joker (fidanzato), Le gemelle Dee-Dee (nipoti) 

Salve Dottoressa Quinzel. Benvenuta.

Ciao……….ti avverto, non chiamarmi cosi……………

Mi scusi, ma per la nostra incolumità abbiamo dovuto adottare qualche sistema di prevenzione e tenerla ammanettata alla sedia.$(KGrHqV,!oMFEL(8s!!WBRI--uBNi!~~60_35

Ahahahah e credete di fermarmi con due paia di manette?! Illusi.

Sono elettrificate Dr.ssa Quinzel.

Ancora a chiamarmi dottoressa…… Bene quando inizia questa intervista? La prego mi chiami Harley, lo fanno tutti.

Harley, lei è una psichiatra, ha lavorato ad Arkham, fino al fatidico incontro con il Joker, il feroce criminale, dopo il quale ha deciso di entrare nella sua gang.

Sa tra medico e paziente si instaura un rapporto particolare, soprattutto se ci si trova in un manicomio criminale come Arkham. E poi ho conosciuto Lui il mio amato Joker, il solo che mi abbia mai capita, non è stato come tutti i miei pazienti, lui mi ha conquistata, è bastato uno sguardo ed ero sua…………… Ma lei si rende conto di che genio sia Joker? Altro che Enigmista, che si vanta di essere l’avversario più intelligente di Batman, o Ra’s al Ghul, il re della Setta degli Assassini, neanche il Pinguino o Dent sono paragonabili al Suo genio criminale.

Mi meraviglia molto il fatto che una giovane come lei abbia scelto di lavorare proprio li ad Arkham.

Ho sempre avuto la passione per le personalità estreme e poi di questi tempi non si può negare che quei supercriminali siano un po’ glamour. Mi hanno parlato in molti dei pericoli che avrei trovato, molti di quegli individui avrebbero preferito uccidere piuttosto che aprirsi con una giovane dottoressa come lo ero io. Fortunatamente incontrai il mio amato, non potrò mai dimenticare il nostro primo incontro, era così arguto, interessante, mi fece sentire davvero l’unica dottoressa di Arkham.  Iniziò a corteggiarmi con dei fiori, sa non seppi mai come fece quel giorno a farmeli recapitare. Forse era scritto che trovassi l’amore in un manicomio criminale, già il nome che mi diedero i miei genitori, Harley Quinn, è proprio il nome adatto ad un clown, io sono nata per trovare il Joker.

Suicide_Squad_Vol_4-5_Cover-3_TeaserLei decise quindi di unirsi a lui nella sua vita criminale a Gotham, ma non ha mai temuto Batman? Lei in fondo era una semplice ragazza.

Certo che mi faceva paura, quello li è PAZZO!!

Chi? Batman?

No Babbo Natale!? Certo, Batman. Sempre Batman! Lo si vede dai suoi piccoli occhi, lanciano lampi di follia!!! Si nasconde sempre la faccia dietro quella maschera mostruosa, cosa avrà mai da nascondere quel tipo là, nessuno di noi usa maschere, chi è allora il PAZZO?! Lui è stato bravo ad abbindolarvi tutti, vi ha fatto credere di poter cambiare il mondo, di poter migliorare la situazione. La polizia?! La polizia, i media, i boy-scout del cavolo, ha imbrogliato ogni sacco di carne che cammina nella latrina urbana. Lui è il più folle di tutti! Se ne sta là in alto a ridere di noi, e il bello e che lui è libero di andarsene in giro liberamente mentre noi siamo costretti a nasconderci, a scappare dalla polizia, per non tornare ad Arkham.

Abbiamo capito la pensi come il tuo caro Joker, odi Batman e tutto il resto, ma non ti sembra che lui ti abbia usato?

Bhe sa, l’ho pensato spesso, ed in molti casi è stato così, lui mi considerava una dei suoi sgherri, sono arrivata persino a desiderare di ucciderlo. Ma sa come si dice, l’amore non è bello se non è litigarello. C’ho provato ad allontanarmi da Lui, ma è stato più forte di ogni cosa, noi dovevamo stare insieme.

Ma non le sembra di dipendere eccessivamente dal Joker?

Poison-Ivy-and-Harley-Quinn-funkyrach01-15288246-1024-768

Ma guardi che io ho anche delle amiche!!!!

Quante?

Ehm…. Una! Ivy…

Ecco dove volevo arrivare, Poison Ivy, sa girano certe voci… ci parli del vostro rapporto.

Che voci?! Ma siete pazzi? Io e Ivy siamo amiche, lei mi ha aiutato, mi ha reso più forte e più agile, immune ai veleni, insomma più letale, più adatta al mio unico amore Joker.

images (1)

Parliamo ora di suo padre, Paul Dini, lui l’ha introdotta nella serie animata “Batman: The Animated Series”,  ideò il personaggio dopo aver visto l’attrice Arleen Sorkin vestita da pagliaccio in una sequenza, ambientata in un sogno, della soap opera Days of our Lives,insomma lei è un personaggio nato sotto i riflettori televisivi, si sente un po’ diva?

Certo, io sono una grandissima clown, sono la regina del circo, e siedo accanto al più grande clown di sempre, il mio amato Joker.

Insomma, con lei non si può fare un discorso senza tornare a parlare del Joker, ma è possibile?

Scusi lei è mai stato innamorato? L’amore ti prende, ti fa sentire leggera. Per me il Joker è tutto, come fai a non amare un clown che ti dedica Bring Me To Life degli Evanescence?

Bene, ci rinuncio, Dottoressa Quinzel, la ringrazio del suo tempo, e ringrazio soprattutto le guardie armate del manicomio di Arkham che hanno permesso questa intervista.

Credevo di averglielo già detto, la dottoressa Quinzel è andata via, ora c’è soltanto Harley Quinn, comunque grazie a te Mike, sai noi ad Arkham seguiamo il tuo blog……….solo uno normale potrebbe non seguire l’Ultimate Comics World!!! Ahahahahah ed io qua di persone normali non ne vedo…………………………………….GUARDIEEEEEEEEEEEEEEEEE…. riportatemi a casaaaaaaaaaaaaa, riportatemi dal mio JOKEEEEEEEEEEEEEEERRRRRRRRRR. 

Autore: Mike